Fiori di canapa Sativa – varietà KOMPOLTI – 2gr

8,00

Descrizione

I fiori di Canapa Sativa varietà Kompolti (dioica) , sono il risultato della maturazione di una pianta femmina senza che essa sia stata impollinata da nessuna pianta maschile, questo richiede una selezione in campo in modo da poter vedere e togliere le piante maschio che presentano vere e proprie “palline” che, una volta mature, rilasceranno il polline.

La selezione si può effettuare solo nelle varietà dioiche , cioè quelle varietà che presentano il sesso femminile e maschile distintamente sulle singole piante, a differenza delle varietà monoiche che avranno su ogni singola pianta sia il sesso maschile che femminile.

Ora le piante femmina avranno tutto il tempo e l’energia per dedicarsi alla formazione dei fiori , producendo gemme ricche di cannabinoidi , terpenoidi e flavonoidi.

 

 

 

Raccolta - Essiccazione - Concia

La raccolta deve avvenire quando il fiore femmina presenta il 60/70 % dei tricomi di un colore ambrato (per questo avrete bisogno di una lente d’ingrandimento).

I tricomi sono piccole fabbriche dedicate alla produzione di cannabinoidi e terpeni. Potenza, gusto ed odore sono fattori legati indissolubilmente al processo attuato nelle cellule delle piccole capocchie a forma di fungo.

Una volta individuato il periodo giusto si può procede in due modi :

-1 pulizia da fresco ed essiccazione

-2 essiccazione e pulizia da secco .

L’essiccazione e successiva concia del fiore è molto importante per evitare la formazione di muffe che ne comprometterebbero il prodotto.

Quest anno ho effettuato entrambe le prove per capire quali differenze possono portare al prodotto finale e mi sono trovato meglio con il metodo 2, dove interi rami di Canapa venivano messi ad essiccare in ambiente al buio con umidità e temperatura controllati (50/60% UR e 18/22°)

Da quello che ho notato , nel metodo 2 il fiore impiega circa 10-14 giorni prima di essere pronto alla pulizia finale , quindi questa lenta essiccazione fa sì che la clorofilla scompaia gradualmente e ritroveremo tutti gli aromi del fiore al suo interno, a differenza di un’ essiccazione troppo veloce.

Una volta conclusa l’essiccazione si passa alla pulizia dei fiori, dove vengono asportate le foglie più visibile, diciamo che si tende a portare dal parrucchiere ogni fiore, in modo che l’aroma del fiore non venga alterato da altre parti vegetali.

 

Una volta finita la pulizia è arrivato il momento di conservare i fiori con l’ultima operazione , cioè la concia .

Questa operazione serve di fatto per far stagionare ancora di più il prodotto finale e poterlo conservare per più tempo di solito i recipienti più utilizzati e funzionali sono i barattoli di vetro con chiusura ermetica.

In questa fase è importante controllare , nelle prime due settimane, lo stato dei fiori all’interno dei barattoli e capire quanta umidità hanno ripreso:

– se eccessiva occorre togliere i fiori dai barattoli e lasciarli asciugare per almeno un’ora e poi rimettere tutto nel barattolo.

– se leggermente umidi si possono tenere all’interno del barattolo, ma aperto per un 20/30 minuti e poi richiuderlo.

Questa operazione va effettuata finchè ogni fiore presente non ha una “croccantezza” omogenea, allora saremo al sicuro da muffe e sapremo di avere un fiore con elevate proprietà organolettiche.

Cannabinoidi

La Canapa Sativa contiene più di 400 sostanze naturali, tra queste i ricercatori hanno individuato 66 cannabinoidi , più o meno presenti nella composizione totale.

I più conosciuti sono indubbiamente il THC e il CBD, di cui il primo è il cannabinoide con effetti psicoattivi,mentre il secondo possiede diverse proprietà terapeutiche e, soprattutto, non causa alcun tipo di effetto psicoattivo, per questo consigliato come analgesico, antinfiammatorio, rilassante ed ansiolitico.

La varietà Kompolti coltivata quest anno presenta questi valori di cannabinoidi : THC 0,04% + THCA 0,26% = THC TOT 0,30% – CBD 0,13% + CBDA 6,7% = CBD TOT 6,83%

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Come potete vedere sono presenti due cannabinoidi di cui non abbiamo , THCA e CBDA .

Questi non sono altro che i precursori dei rispettivi cannabinoidi, cioè elementi che in questa forma acida/originaria  non hanno nessun effetto, ma che sottoposti a certe temperature viene innescato un processo chimico chiamato decarbossilazione, altro non è che la trasformazione del THCA in THC e CBDA in CBD .

è giusto ricordare che la varietà coltivata (Kompolti) rientra nelle sementi registrate e certificate dall’unione europea , quindi legale per essere coltivata.